Archivi tag: Tango Argentino

Tango argentino – la bellezza in un abbraccio

Che rapporto noi, italiani di oggi, possiamo avere con il tango? E in che modo l’italianità ha influenzato il genere? Questi i passi da cui muove il libro: “Tango argentino – la bellezza in un abbraccio” di Stefano Fava, maestro di tango e organizzatore del Lucca Tango Festival, pubblicato da Edizioni Cinquemarzo e dedicato ad Andrea Missé, la famosa ballerina professionista scomparsa tragicamente nel 2012, “una delle più autentiche incarnazioni del vero Tango.”

Chiamando in causa concetti complessi quali identità nazionale, italianità e argentinità, immigrazione, etica, estetica, autenticità di un prodotto artistico e la sua interpretazione, violenza di genere e stereotipi, mutamento e sopravvivenza, Fava ha fatto un’operazione NECESSARIA con una prosa scorrevole e coinvolgente senza scadere nel patetico o in una facile retorica: la storia parla da sè.

Tanguero appassionato e studioso spassionato, quella di Fava può essere definita un’analisi e una critica costruttiva con una sensibilità rara soprattutto per la considerazione della donna. L’indagine procede su due binari: emigranti italiani con le loro storie da un lato e tango e la sua storia ed evoluzione dall’altro, fornendo una prospettiva approfondita del fenomeno anche con esempi di ascolto attivo e comparativo dei brani oggetto di studio. Una dolorosa ricerca storica basata su fonti e documenti scritti, ufficiali e non (scambi epistolari), e su testimonianze dirette (racconti dei “vecchi milongheri”): un “viaggio alle radici del tango”, sia etniche sia ritmiche (vero e proprio viaggio nel viaggio).

Nel 1887 una persona su tre a Buenos Aires era di origine italiana (numeri che ridimensionano la portata delle emigrazioni odierne): per questo quella nostrana è la prospettiva privilegiata in questo libro, che indaga i valori sociali e morali che hanno costituito il substrato del tango nei vari periodi, dalla nascita allo sviluppo e fino alle varie cadute e risalite, per giungere alla sua rinascita ai giorni nostri.

L’operazione dell’autore è quella di ricostruire la storia del tango attraverso i suoi protagonisti noti, meno noti e perfino ignoti: le centinaia di migliaia di poveri derelitti che, migrando dall’Europa e soprattutto dalla nostra penisola, da fine ‘800 hanno cercato una vita migliore troppo spesso senza trovarla, subendo razzismo ma concorrendo alla creazione di questo nuovo genere dal DNA multietnico chiamato tango, dal momento che nonostante la resistenza iniziale si sviluppò una convivenza di valori e un processo di influenza reciproca e di contaminazione con le varie culture del Rio de la Plata.

Furono sopratutto i figli dei migranti a dare apporto decisivo allo sviluppo del genere (e già allora non potevano più dirsi del tutto italiani, quindi tecnicamente non erano stranieri, ma italiani-argentinizzati, allo stesso modo in cui molti criollos si italianizzarono: “il ballo ibrido della gente ibrida”).

Fava accenna anche alle due tendenze storiografiche sulla nascita del tango: prodotto dell’influenza reciproca tra società criolla e immigrati per i più, la difesa dalla perdita di identità causata proprio dai nuovi arrivati per altri.

Nella seconda parte troviamo la storia estetico-musicale del tango dalle origini ad oggi: dall’etimologia della parola alla sua associazione con la danza che noi conosciamo; la sua gestazione; i luoghi in cui è nato; il periodo della sua apparizione (coincidente proprio con l’ondata migratoria); i suoi predecessori dal punto di vista del ritmo base/passi coreografici; le lingue del tango; i principali temi dei tanghi canción; i luoghi dove veniva praticato (dai bordelli ai conventillos: parte di società sganciata dalle convenzioni morali borghesi e figure ai margini quali prostitute, guappi, protettori).

Qui l’autore sottolinea uno dei leitmotiv della sua esposizione: l’aspetto aggressivo e fortemente MASCHILISTA del sostrato sociale del tango, denunciando il ruolo imposto alla donna in quella società sessista, ossia proprietà/oggetto/merce sfruttata e sottomessa, aspetto che insieme a machismo, criminalità e culto della violenza veniva celebrato e persino esaltato nei testi dei tanghi delle origini (anche di alcuni tra i più famosi) e fino agli anni ‘20.

Si procede poi alla puntuale analisi musicale con tanto di esempi per cofrontare le differenze tra i vari stili/versioni dei brani più famosi e mostrarne i tratti caratteristici e l’evoluzione nelle varie epoche: il passaggio cruciale fu dagli anni ‘20, quando dallo stile scanzonato, giocoso e rapido dei primordi si è passati ad un tango più melodico e sentimentale che rispecchiava il cambiamento della tonalità timbrica ed emotiva, permettendone la diffusione anche al di fuori dei contesti ghettizzati (sobborghi) e tra la borghesia (centro città).

Fava passa quindi in rassegna alcuni autori di tango della cosiddetta guardia vieja che hanno dato l’impulso iniziale per innalzare il livello qualitativo del genere.

Il ballo va di pari passo con la musica, cambiando e adattandosi ad essa in favore di uno stile con pochi movimenti di gambe, più pudico, “decente”, sobrio, moralista: l’unico modo per poter essere accettato dalla società borghese e sopravvivere.

Il Repertorio è accomunato da una condanna e uno scoraggiamento nei confronti di chi cerca di uscire dalla propria classe sociale o quartiere, testi che “invitano alla conservazione dello status quo, ponendosi indirettamente dalla parte della classe dominante” attraverso lo schema: allontanamento-ritorno-perdono. Oltre all’aspetto morale, Fava si domanda quale sia il valore estetico del tango canción “con sguardo critico e ragionato”.

L’arrangiamento musicale nasce con il Sexteto De Caro, ma il raffinato sperimentalismo interpretativo si allontana dalle esigenze dei ballerini; la decadenza del genere viene arrestata da Juan D’Arienzo che avvia la cosiddetta epoca d’oro (‘35-’55), riportando i ballerini in pista con un ritorno a un ritmo più vivace ed energico con l’orchestra di nuovo protagonista (dopo che il tango canción aveva assecondato i gorgheggi dei cantanti a scapito della regolarità del ritmo).

Dalla fine dei ‘40, in parallelo, di nuovo instabilità politica che si ripercuote anche sul tango ballato: emerge Osvaldo Pugliese con il suo stile moderno che spiazza e allontana i ballerini anche a causa del sentimentalismo esasperato, e Astor Piazzolla: non più tango da ballare ma musica strumentale da ASCOLTARE. La “rivoluzione” di quest’ultimo si adattava al clima socio-culturale del decennio molto più del tango “tradizionale”. Si perde anche l’abbraccio.

Il tango è stato “resuscitato” dallo spettacolo Tango Argentino del 1983, attirando nuovi proseliti in primis con il ballo (“che evidentemente aveva ancora qualcosa da dire”); inoltre influirono il ritorno della voglia di coppia, la musica attualizzata dagli arrangiamenti moderni del Sexteto Mayor (più Pugliese e Piazzolla) e il fatto che tutti gli autori e i brani venivano presentati come BALLABILI. Oggi si balla per lo più la musica dei ‘30-’40: come mai una musica dalle origini così lontane nel tempo e nello spazio e sonorità così antiquate per noi hanno fatto e continuano a fare tanta presa sulle persone di ogni continente?

Dal 2000 si sono fatti tentativi di attualizzazione e ricerca (elettronica, tango nuevo); ora però ritorno agli arrangiamenti tradizionali con un perfezionamento di un genere esistente piuttosto che una sperimentazione di nuovi sentieri creativi: perché? Per sopravvivere ogni fenomeno deve cambiare, evolversi: il tango l’ha sempre fatto in tutta la sua storia. Se non si fosse adeguato, cambiando i suoi modi, probabilmente non sarebbe arrivato a noi. “Il tango è durato così a lungo perchè non è mai stato lo stesso tango”, adattandosi ai tempi e alle società in cui si trovava a vivere. “Ogni volta che si è spostato, il tango ha subìto dei mutamenti: questa prerogativa non deve essergli negata nemmeno oggi”, la conclusione di Fava.

Claudia Galati

Fava S., Tango argentino – la bellezza in un abbraccio, Edizioni Cinquemarzo, Viareggio, 2019, 309 pp.

Un ultimo tango (Un Tango Más)

Un Tango Más
Un Tango Más

Il film-documentario di German Kral, prodotto da Wim Wenders e presentato al Toronto Film Festival 2015, come sottolineato dal regista, è soprattutto una storia d’amore. La storia dell’amore tra due dei più famosi ballerini della storia del tango, e la storia del loro incredibile amore per il tango.

In 85 minuti la pellicola ripercorre attraverso le voci dei protagonisti e le coreografie di due coppie di attori-ballerini (tra cui figura anche Pablo Verón) che li interpretano da giovani, i 50 anni del sodalizio artistico tra i più fecondi e famosi della storia del tango: quello tra María Nieves Rego e Juan Carlos Copes, i primi a portare il tango fuori dalle milonghe di Buenos Aires e ad inventare il tango escenario. Un percorso costellato di successi ma al tempo stesso dolente, complici i drammi personali che hanno portato alla separazione professionale della storica coppia. Continua la lettura di Un ultimo tango (Un Tango Más)

CHICHE ALBERTI

CHICHE ALBERTI
CHICHE ALBERTI

CHICHE ALBERTI (parte1)

NEL NUMERO PUBBLICATO IL 19 giugno 2011

Milonguero, filosofo autodidatta e uomo di mondo. Diplomato all’Università del Tango, Chiche ci incanta con storie di Tango, per lo più vissute in prima persona, in un’intervista fatta a Buenos Aires da Tango In Roma che faremo conoscere in capitoli, come dosi di una sostanza che ci fa conoscere un poco di più il ragionamento di un milonguero.
Come e quando hai iniziato a ballare il tango?

Guarda, io ero molto piccolo. Avevo 9 anni quando caddi da un autobus e le ruote mi calpestarono le gambe; a quei tempi mi piaceva molto il calcio e il medico mi disse: “no, calcio no, se vuoi vai a praticare folklore”. Ma nel mio quartiere non c’erano club in cui praticare folklore, e siccome ero nuovo e non sapevo molto il medico mi disse: “qua all’angolo c’è un club che si chiama Sin Rumbo”; in realtà al Sin Rumbo si praticava tango e non folklore. Io ero un po’ di legno, come tutti quelli che iniziano a ballare, e le ragazze mi evitavano perché volevano ballare con quelli che  ballavano meglio. Continua la lettura di CHICHE ALBERTI

CHICHE ALBERTI

CHICHE ALBERTI
CHICHE ALBERTI

Como y cuando empezaste a bailar el tango?
Mirá, era muy chiquito. Tenía 9 años y me caí de un colectivo y las ruedas me mordieron las pienas, estaba lastimado; entonces me gustaba ir a jugar al futbol, y el médico me dijo que no, “futbol no, si querés andá a practicar folclore”. Y en mi barrio no había ningún club que se practicara folclore y como era nuevo y no conocía me dijo “mirá, aca a la vuelta, a tres cuadras hay un club que se llama Sin Rumbo por ahí” y no; se practicaba Tango en el Sin Rumbo. Y yo era medio pata dura, viste, como todos los que empiezan a bailar, y las pibas me rajaban, se escapaban porque? ellas querian bailar con los que bailaban mejor. Siempre es así, las minas siempre quieren bailar con los que bailan mejor aunque ellas no estén a ese nivel. Y resulta que, había una señora que me decía “nene, vení a bailar conmigo” y yo bailaba, para mi era La Carmen, vecina, viste. No sabía que Carmen era; cuando tenía 17 años tomé conciencia de quién era: Carmencita Calderón la compañera del Cachafaz.

Continua la lettura di CHICHE ALBERTI

RITRATTO DI UNA MILONGUERA: VILMA HEREDIA

Vilma Heredia
Vilma Heredia

Abbiamo voluto dedicare questo numero di Tango In Roma allo stile “vecchio milonguero”, proponendo ai lettori interviste ad alcuni rappresentanti di questa categoria. I nostri corrispondenti da Buenos Aires hanno perciò intervistato Vilma Heredia, milonguera di quella generazione che ha imparato a ballare il tango semplicemente osservando gli altri, tra le più famose nella Capital Federal anche per il suo programma radio e per i premi che ogni anno attribuisce ai ballerini.
Quando hai iniziato a ballare il tango?
Iniziai quando avevo 12 anni. Mio fratello era milonguero e poeta, e praticava con me nel cortile di casa nostra i passi che lui e il suo amico Tavo inventavano. Mi “marcavano” e se io potevo seguirli voleva dire che le ragazze della milonga con cui loro ballavano di sicuro li avrebbero seguiti.
All’epoca le donne studiavano tango?

Io sono la minore di cinque fratelli. Le mie due sorelle maggiori andavano alla milonga e non ho mai sentito che andassero in alcuna scuola a studiare. A quell’epoca si imparava guardando. Si andava alla milonga e guardando quelli che sapevano ballare bene così si imparava. Oppure potevi imparare a casa con tuo padre o con qualche zio che ti faceva praticare. Continua la lettura di RITRATTO DI UNA MILONGUERA: VILMA HEREDIA