Archivi categoria: Recensioni

La Mujer Bandoneón

Ricordo ancora con emozione quando, poco più che ventenne, ho raggiunto l’apice della mia professione…

Pensare che devo tutto ai miei genitori, immigrati spagnoli di fine ‘800 a Buenos Aires. Eravamo sette tra fratelli e sorelle, e grazie alla loro (e alla mia) inclinazione verso la musica ho avuto la possibilità di studiare pianoforte in conservatorio. A quell’epoca era consono, per una musicista donna, approcciarsi allo studio di strumenti quali pianoforte e chitarra. Ma questa consuetudine mi stava stretta: l’incontro con il mio compagno di conservatorio José Servidio, prima ancora che divenisse un famoso musicista e compositore di tango, mi fece capire che la mia strada era il bandoneón. Continua la lettura di La Mujer Bandoneón

TANGO DI LAMA… E D’OCARINA

Di lama e d’ocarina – storie di tango, la prima fatica editoriale di Francesco Scarrone, torna in una nuova edizione arricchita con ulteriori racconti. Protagonista indiscusso è sempre lui: il muflone patagueño… no scherziamo, è “il più gran tanguero della Pampa” ovvero Diego Alvaro de Marenquio Manasero y Gregorio.
Forte del motto: “Il tango è qualcosa di più della semplice musica del tango. Il tango è un modo di vivere, ma ancor più è un modo di morire. Il tango è un modo di morire tragicamente, o di vivere, soffrendo terribilmente”, il novello antieroe, ottimista ai limiti dell’ingenuità, decide di vivere “soffrendo, terribilmente” (giacché a morire tragicamente non era ancora riuscito). Grazie alla prosa scorrevole e scanzonata seguiamo divertiti Diego Alvaro nella sua coinvolgente avventura attraverso paesaggi mitici, strani personaggi e locali malfamati per raggiungere il suo scopo: essere il più gran tanguero di tutti. Ma sarà quella la felicità?
L’ironia del primo racconto (e della imperdibile e gustosissima ricetta del muflone patagueño) contrasta di tono con i lampi lirici che costituiscono le altre diciotto brevi storie, il cui leitmotiv è l’amore in tutte le sue declinazioni (spesso, trattandosi di tango, protagonista diventa la lama, oltre ovviamente alla musica), che catturano e trascinano il lettore fino all’ultima pagina.
Particolarmente suggestivi, tra i brani inerenti il tango: “Milonga per un povero diavolo”, un oscuro bandoneonista nella notte; “La stanza dei passi perduti”, in cui un uomo balla con il fantasma di una donna, “Au café des Amants”, che restituisce l’atmosfera dei tipici Caffè di Buenos Aires; “Montlagòn”, il milonguero per eccellenza.

Scarrone F., Di lama e d’ocarina- storie di tango, Rogas Edizioni, Roma, 2020, 108 pp., € 12,70.

Tango argentino – la bellezza in un abbraccio

Che rapporto noi, italiani di oggi, possiamo avere con il tango? E in che modo l’italianità ha influenzato il genere? Questi i passi da cui muove il libro: “Tango argentino – la bellezza in un abbraccio” di Stefano Fava, maestro di tango e organizzatore del Lucca Tango Festival, pubblicato da Edizioni Cinquemarzo e dedicato ad Andrea Missé, la famosa ballerina professionista scomparsa tragicamente nel 2012, “una delle più autentiche incarnazioni del vero Tango.”

Chiamando in causa concetti complessi quali identità nazionale, italianità e argentinità, immigrazione, etica, estetica, autenticità di un prodotto artistico e la sua interpretazione, violenza di genere e stereotipi, mutamento e sopravvivenza, Fava ha fatto un’operazione NECESSARIA con una prosa scorrevole e coinvolgente senza scadere nel patetico o in una facile retorica: la storia parla da sè. Continua la lettura di Tango argentino – la bellezza in un abbraccio

Carlos, l’ultima volta

Una piccola sala allestita con una suggestiva penombra e un velo trasparente a separare in due il palco; lettere sparse in terra, candele su altarino e una sedia. Di sottofondo, musica di tango da una radio che improvvisamente annuncia la morte di Carlos Gardel, il 24 giugno 1935 a Medellín (Colombia) in un incidente aereo. È così che inizia “Carlos, l’ultima volta”, andato in scena dal 20 al 23 febbraio 2020 al Teatro Spazio 18B di Roma, spettacolo di Emiliano Metalli e Mauro Toscanelli (rispettivamente autore e regista, e co-regista ed attore protagonista nel ruolo del paroliere Alfredo Le Pera) con Orazio Schifone (nel ruolo di Juan) e Masaria Colucci (voce di Berthe, la madre di Gardel). Una produzione de La Compagnia dei Masnadieri, con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo. Continua la lettura di Carlos, l’ultima volta

Tango del calcio di rigore

foto: www.teatronazionalegenova.it

È con un palco che ricorda una milonga dopo l’orario di chiusura, con le caratteristiche luci dalla forma, quelle a incandescenza di una volta per intenderci, che a chi ha più di trent’anni fanno pensare subito alle festicciole di classe o a una milonga appunto che si apre lo spettacolo: “Tango del calcio di rigore”, in scena al Teatro Brancaccio di Roma dal 15 al 19 gennaio 2020. Continua la lettura di Tango del calcio di rigore